fbpx
Via Nuoro 9, Olbia
0789 624010
info@rentu.it

Gallura in tour

Gallura in tour

Quante volte vi sarà capitato di voler alternare le giornate trascorse in spiaggia con qualche escursione nell’entroterra e non avere idea di dove andare e cosa vedere?


Da buoni padroni di casa vi vorremmo dare qualche suggerimento e abbiamo pensato di iniziare dalla Gallura, meta di migliaia di turisti che ogni anno affollano le sue candide spiagge ma che poco ancora sanno dei tesori che racchiude a pochi chilometri dalle coste.
Il nostro tour parte da Olbia e fa tappa a Sant’Antonio di Gallura, dopo alcune curve fra le rocce scolpite dal vento e i boschi di querce.
Sant’Antòni di Caragnàni, così come lo chiamano i galluresi, ha origine in un antico villaggio medievale, Villa di Castro, sorto a poche centinaia di metri dall’antica chiesa di Sant’Andrea e dalla piazza al centro del paese.
Baciato dal sole e dalla brezza del mare che, in linea d’aria, dista circa 17km, offre percorsi culturali e paesaggistici molto interessanti, a partire dal belvedere “Lu Nuracu”, le numerose chiesette campestri e le zone archeologiche di Lu Nuracu, Lu Nuracheddu e La Muraglia di Sarra di l’Aglientu.

Proseguendo il viaggio verso Luras, potrete approfittarne per fare due passi lungo le sponde del lago Liscia e ammirare gli olivastri millenari situati nel lato nord, tra i quali vi è l’esemplare più imponente d’Italia (ben 12m di circonferenza per 8m di altezza), chiamato S’Ozzastru e dichiarato nel 1991 monumento naturale.

Olivastro millenario a Luras

Una volta arrivati a Luras vi suggeriamo di non lasciarvi sfuggire il Museo Galluras, le antiche chiese e soprattutto i monumenti preistorici per cui questo comune è famoso: i dolmen.
Nell’ambito dei 78 esempi di dolmen sinora identificati in Sardegna, infatti, Luras è il centro abitato maggiormente rappresentato, con ben quattro esempi: i dolmen di Ladas, Alzoledda, Ciuledda e Billella.
Non ci resta che augurarvi buon viaggio!

× Ciao, possiamo aiutarti?